Di Luca Scutti

IL GRIDO DELL’ANIMA

Il grido degli uomini, il grido della folla, il grido dello sciacallo…

No, non mi riferisco a queste grida; esiste un altro grido che non hai mai preso in considerazione,

per te “lei” non è mai esistita. Alzare la voce per farsi sentire, per chiedere aiuto, gridare a squarciagola

il più possibile, gridare gridare gridare. Gridare al ladro, ogni giorno fruga dentro di “lei”, grido forte

e prolungato, voce acuta!

Credimi, siamo malati. Stancamente e incessantemente ti chiede di fermarti. Cerca di essere amico

della tua anima, scappa via insieme a “lei”, la tua amica migliore, in ogni tempo, non ha principio,

non ha fine, il suo tempo è infinito come il Cielo…

Non potrai mai sapere quando il sonno eterno giungerà, la morte è dietro l’angolo. E’ stanca delle eterne

promesse. Freddo intenso e notti gelate, rabbrividisce per il freddo, che eternità sarà? Esistono anche

le anime dannate, condannate alle pene del fuoco, dannazione eterna!

Avverte la freddezza, l’ostilità della tua persona, delle persone che ha intorno, nell’ambiente in cui si trova…

strati di ghiaccio! Procedere con la massima cautela, anime pericolose per il gelo.

Insieme a “lei”, dopo alcune soste, riprenderai sempre il tuo viaggio, anche quando la pioggia sarà senza

interruzione. Sèguita, non fermarti, vai avanti, non desistere, la strada continua, è lunga come l’infinito

del Cielo. “Lei” non ha interruzioni nel tempo, nello spazio, è incessante.

Allora? Che stai aspettando? Non dirmi che non riesci a sentire quel grido. Ascolta quel grido soprattutto

quando “lei” è preoccupata, cupa. I tuoi continui ritardi sono inquietanti!

Si sente calpestata, tradita, umiliata.

Osservo un tramonto rosso fuoco, scende la sera, la parte finale del giorno. Notte serena? Grigia?

Tranquilla? Agitata? Ogni notte è la notte dei tempi. Cerca di essere elegante, indossa l’abito da sera,

hai un incontro molto importante, avrai delle risposte…

Ora quel grido ti avvolge nel cuore della notte. Anche questa sera appoggerai la tua testa stanca sopra

il cuscino, il tuo letto “gelato” da chissà quanto tempo, inizierai a lottare contro i tuoi sporchi alleati.

Prima di chiudere gli occhi penserai…e vedrai intorno a quel letto sfilare  sempre lo stesso “corteo”.

Queste “truppe” sfilano in parata davanti a “lei” in rapida successione, e nella tua mente

c’è la processione di mille ricordi. Sempre gli stessi modelli, rimorsi, bugie, ipocrisie, disonestà.

E la tua anima in quei momenti? Non ti abbandona un solo istante, ma continua a rimproverarti.

Lì, è nel freddo intenso del tuo letto che devi ascoltarla. Troverai la verità, solamente quando vivrai

in unione con “lei”. Sentirai e avrai la sua inquietudine, scoprirai nuove “terre”, segreti nascosti,

soltanto “lei” potrà scoprirteli, rivelarteli. Uscirai da quel “riparo”, allo scoperto, e rivelerai

il suo pensiero. Questo bene così prezioso, inestimabile, ineguagliabile, non ha confronti.

La sua totale fedeltà quando è in “piena”, dimmi che ci fai di un’anima intorpidita, innocua,

che non ti rimprovera mai? E’ un’amica che ti tradisce continuamente!

“Lei” ti rispetta, mantiene sempre i suoi impegni, le sue promesse. Così brontolona arriva sempre

alla verità. Il suo grido, ascoltala. Un giorno ti dirà grazie, avrai imparato a capirla, conoscerla, amarla.

Poi…dopo aver indossato il tuo abito da sera, appoggerai la tua testa stanca sopra lo stesso cuscino

di un letto non più gelato e sentirai, ascolterai, riconoscerai la sua voce:

“IL GRIDO DELL’ANIMA”.

 

Articoli Correlati

5 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche
Close
Back to top button