Di Luca Scutti

HO VISTO GIUSEPPE

Vedo, immagino nel sogno, sogno spesso mio padre.

Quando sogno di precipitare nel vuoto…

Ho sognato di volare per raggiungerlo,

l’ho sognato che era venuto a trovarmi.

Non sogno nè fama, nè ricchezza,

sogno mio padre.

Lo sogno ad occhi aperti,

un sogno di padre.

 

 

Le ruote di una bicicletta disegnano un’asfalto bagnato, scivola ad una andatura sostenuta.

E’ Giuseppe a guidarla, la sua età segna ottantacinque volte. Un cappello gli ripara il capo,

sopra le sue spalle uno zaino, un paio di guanti avvolgono le sue mani, un paio di cuffie intorno

alle sue orecchie collegate ad un ipod sono gocce di note musicali che lentamente inondano

la sua anima. Musiche e parole sono di Rogers Waters, David Gilmour, Richard Wright e Nick Mason:

“Pink Floyd”! Tra un pò l’inverno sarà inghiottito, scomparirà, il mese è quello di aprile, tra un pò annuncerà

una primavera che tarda ad arrivare. Le lancette dell’orologio sono posizionate alle ore sei di un’alba

che Giuseppe ogni mattina attende insieme alla sua bicicletta.

Un crocifisso dondola intorno al suo collo, un laccio di cuoio lo accudisce da molto tempo.

L’ora legale rallenta l’alba, le sue prime luci, i suoi primi “sbadigli”, i suoi primi colori.

Giuseppe sempre pedalando porta la sua mano destra dentro la tasca, le sue dita cercano e trovano

una sigaretta, poi la sua mano sinistra va alla ricerca dell’accendino. Ora la sua sigaretta inizia a brillare,

ad ogni istante del suo ispirare, il suo viso si illumina ad intermittenza. Quella brevissima luce rossa

presenta all’alba le sue tante rughe, solchi di vita vissuta, tante mappe disegnate sopra il suo volto.

Anche il lobo del suo orecchino inizia ad illuminarsi come un faro immerso nel mare. Ora una leggerissima

pioggia inizia  di nuovo a cadere, per Giuseppe è molto piacevole. Tante piccolissime gocce formano

una cornice d’argento, si depositano sopra la sua fronte, le avverte, le sente scivolare sopra il suo volto,

giù…dentro la gola, come linee sottili che tracciano, ancora, ancora più giù…

“Sono ancora vivo, affanculo l’età, vivo e non sopravvivo, respiro…si respiro, dai Giuseppe continua a respirare,

poi queste gocce d’argento sono balsamo per la mia anima, ristoro, conforto, sollievo”.

Giuseppe vive in una località marina, a trenta chilometri da Roma. Scelta che ancora oggi rifarebbe, soprattutto

quando l’inverno bussa alla porta: “Vivere fuori dal “branco” mi ha permesso di essere me stesso, ho scoperto

“paesi” sconosciuti, ho frequentato due facoltà all’università: la “solitudine” e la “preghiera”!

Ho avuto una regia Divina: Dio e Sua Madre Maria, sempre insieme a me. Il “branco”? A piccole dosi,

ho sempre avvertito che prima o poi ti “uccide” dentro! L’ho sempre subito, l’ho sempre disprezzato”.

Ecco l’alba in tutto il suo splendore, mentre la pioggia non più leggera inizia ad essere incessante

come l’emozione di Giuseppe. E’ sempre stato così, ad ogni alba bagnata l’emozione indossa

il suo volto, il suo nome e cognome, ad ogni alba bagnata non riesce mai a distinguere, a capire,

lì…sopra il suo volto: “goccia piovana o lacrima”? Ma poi quando giungono lì, inizia ad assaporarle,

riconosce subito il sapore della sua lacrima.

“Ai tempi della mia gioventù del “tempo”, anche metereologico prestavo poca attenzione, quando si è giovani

c’è sempre il sole anche quando piove, ora all’età di ottantacinque anni è pari allo zero, zero netto!

Siamo noi il tempo, noi lo stabiliamo, noi lo “coloriamo”, non dobbiamo subirlo, noi lo contempliamo

con l’anima senza possederlo. Ah…se gli uomini imparassero a contemplare, il possesso sarebbe in malora.

Anche questa mattina andrò a pescare, taglierò il tempo, l’attimo, con la mia penna, scriverò, pregherò…”

Giuseppe è sempre sopra la sua bicicletta, si dirige verso la spiaggia, vicino agli scogli, solito posto. 

“Ci sono troppi silenzi che squarciano anime indifese, ma sono ancora sveglio, i voli dei gabbiani continuano

ad aiutarmi, osservandoli in volo ho imparato le giuste rotte da seguire per poi “disegnarle”, i loro movimenti

mi hanno sempre portato a capire l’umore di una terra pesante per opera di mani e menti umane,

l’hanno devastata! Il silenzio fa paura a chi da una vita è costretto a subirlo, devo incontrare mio figlio.

Il Signore me lo porterà tra le Sue braccia, poi troverà le “mie” ad accoglierlo. Questo silenzio inizia a disturbarmi,

a starmi stretto.” Ore otto, continua a piovere, la stessa bicicletta delle ore sei continua a scivolare sopra l’asfalto

dirigendosi verso la spiaggia. Giuseppe accenna ad un sorriso mentre alza gli occhi verso quel grigio plumbeo:

“Un respiro profondo, un soffio e trovi il celeste del Cielo”. Lega la bicicletta ad una steccionata di legno,

ora un attento lucchetto l’avvolge, mentre i suoi “dettagli” custoditi dentro il suo zaino sono pronti a colorare

la sua giornata. Giunto sopra gli scogli apre il suo zaino e inizia a preparare con la massima cura i suoi “dettagli”.

Una canna da pesca, un quaderno insieme all’inseparabile penna, la Sacra Bibbia, il Santo Rosario. La pioggia

non l’abbandona, sempre leggera, come i suoi pensieri. Leggera come la sua canna da pesca, leggera come la sua

penna, eterna “amica” che mai tradisce. Leggero come il suo Santo Rosario, “lui” tanto devoto di Maria.

Seduto sopra uno scoglio con le gambe incrociate, la penna tra le mani e un quaderno sopra le sue gambe, avverte,

poi vede la sua mano destra “incendiarsi”, anche i fogli bianchi del quaderno prendono “fuoco”, l’inchiostro della

penna ora è bollente, non imprime, “brucia”.

Ricordo di essere andato a dormire, ora mi vedo correre come un pazzo verso il mare, c’è una “spiaggia

che mi attende, ci sono scogli che mi attendono, c’è mio padre che mi attende…!

Ci abbracciamo, non siamo due persone dentro quell’abbraccio, una sola persona, una sola anima, lo stesso dolore,

la stessa la lacrima, lo stesso sangue bollente che brucia i nostri corpi, lo stesso sguardo verso il Cielo, lo stesso

sguardo verso un tramonto che stava per salutarci…

Ho visto un angelo

andare via di schiena,

tuffarsi…

e non tornare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button